Mercoledì, 08 Aprile 2015 00:00

LE FERITE INVISIBILI - Richard F. Mollica

Lo psichiatra statunitense Mollica parla delle sue esperienze, mediche ed umane, con le vittime della violenza fisica e psicologica: dai sopravvissuti alle torture nei paesi a regime totalitario (Cambogia, Bosnia, Serbia…) ai traumatizzati da disastri quali il crollo delle torri gemelle a New York, ai discriminati per ragioni socio-culturali.

Citando situazioni concrete, egli trascina il lettore attraverso i sentimenti di vergogna, rabbia o paura di esseri profondamente feriti, invitando poi alla riflessione sulla capacità di recupero individuale per autoguarigione e tramite il coinvolgimento sociale.

Ho trovato il testo alquanto specialistico, apprezzando però la grande attenzione alla persona, al di là delle esigenze terapeutiche del paziente.

M.P.

Pubblicato in Narrativa

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy