Con attenta e acuta maturità l'autore parla del disagio giovanile che spesso sfocia in manifestazioni estreme quali l'anoressia, l'autolesionismo... dell'incapacità di esprimere i propri sentimenti, dell'inadeguatezza dei genitori di fronte a queste situazioni perché non sanno come intervenire e  della solitudine in cui si sprofonda. Al giorno d'oggi quante vite scorrono parallele come i numeri primi gemelli senza riuscire a toccarsi mai davvero!

Il tempo che passa cambia le persone e forse con la maturazione arriva l'accettazione o il perdono per se stessi e la capacità di andare avanti anche se con difficoltà.

Bel libro!

Raffaella

Pubblicato in Narrativa

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy