OSSERVO IL CIELO...E VADO OLTRE

 

 

Su una celeste tavola imbandita

una bianca banana

forse scolorita

è posata nel bel mezzo.

Che voglia di mangiarla...

Non resisterò!

Prenderò una scala

e via la porterò.

Salendo, salendo

raggiungo la banana

ma alla tavola è attaccata.

Ho proprio tanta sfortuna

e... Accidenti! Questa è la luna!

Preso da un tale sgomento

volo via più veloce del vento

ma in quella tovaglia

scorgo uno squarcio e lo attraverso

ritrovandomi in un altro universo

dove tutto è calmo, sereno e tranquillo

non s'ode un urlo e neppure uno strillo.

Nessuno si odia su quella terra

Nessuno comanda, né si fa guerra.

E' un paradiso davvero

'sto mondo gemello

Qui tutto è leggero

e molto più bello...

Vorrei restare

per goder di questa pace

Invece torno a casa

Convinto e felice

di provare a portare

quel calore e quell'amore

in ogni persona

e in ogni cuore.

Questo il mio viaggio

al di là del cielo

dove c'è un mondo perfetto

separato da un velo.

 

 

Segnalata – Sezione Bambini

Autori: Alunni delle classi 3° e 3B - Scuola Primaria Ada Negri

Busto Arsizio

 


 

POESIA SEGNALATA

 

"OSSERVO IL CIELO...E VADO OLTRE"

 

Alunni delle classi III A e III B

 

Scuola Ada Negri Busto Arsizio

 

 

La poesia merita una segnalazione particolare per il suo grande valore didattico, che si può sintetizzare nelle parole " due mani e quaranta teste".

 

Bellissimo è immaginare i momenti di gioiosa e forse un po' caotica condivisione che hanno reso possibile la realizzazione dell'opera.

 

Anche per quanto riguarda il contenuto, molto positiva e rassicurante è la visione di un mondo perfetto, senza odio né guerra, che, essendo "separato solo da un velo", forse si può veramente tentare di creare.

 

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy