Maria Grazia

Maria Grazia

Mercoledì, 21 Novembre 2012 12:13

LE POESIE GIOVANILI - Karol Wojtila

Karol Józef Wojtyła nacque a Wadowice, città a 50 km da Kraków (Polonia), il 18 maggio 1920.

I Cardinali, riuniti in Conclave, lo elessero Papa il 16 ottobre 1978. Prese il nome di Giovanni Paolo II e il 22 ottobre iniziò solennemente il ministero Petrino, quale 263° successore dell’Apostolo. Il suo pontificato è stato uno dei più lunghi della storia della Chiesa ed è durato quasi 27 anni.Giovanni Paolo II ha esercitato il suo ministero con instancabile spirito missionario, dedicando tutte le sue energie sospinto dalla sollecitudine pastorale per tutte le Chiese e dalla carità aperta all’umanità intera.

Mercoledì, 21 Novembre 2012 12:10

IL SAPORE DEL PANE - David M. Turoldo

David Maria Turoldo, nacque a Coderno di Sedegliano il 22 novembre 1916, nono figlio di Giovanbattista e Anna Di Lenarda. Fu battezzato con il nome di Giuseppe.
Entrato nella casa di formazione dell'ordine dei Servi di Santa Maria e fece il 2 agosto 1935 la sua prima professione religiosa nel convento di Santa Maria di Cengio a Isola Vicentina assumendo il nome di fra Davide Maria.
Proseguì gli studi umanistici e teologici nelle città di Venezia e Vicenza, giungendo, a 22 anni, il 30 ottobre 1938, alla solenne professione con i voti definitivi. Il 19 agosto 1940 divenne presbitero e iniziò il suo ministero nel convento di Santa Maria dei Servi in San Carlo a Milano. Dove nel 1942 si iscrisse alla facoltà di filosofia laureandosi in data 11 novembre 1946.
Nel 1955 lo troviamo a Firenze e nel 1961 a Udine nel santuario caro a friulani di Santa Maria delle Grazie e quindi nel 1964 si fermò a Fontanella di Sotto il Monte a Bergamo.
Nel 1988 ebbe conoscenza della sua malattia e nel giovedì del 6 febbraio del 1992 si spegne a Fontanella ove è sepolto.

Martedì, 20 Novembre 2012 20:56

AL FANTASTICO ABISSO - Silvio Raffo

Nato a Roma, vive a Varese, dove dirige il centro culturale "La Piccola Fenice", attivo dal 1986. Traduttore, poeta e narratore, ha collaborato con radio, giornali e televisione svizzeri e italiani. Nel 1997 è stato finalista al Premio Strega con il romanzo "La voce della pietra" (Saggiatore, 1996). È considerato fra i massimi esperti della poetessa americana Emily Dickinson in Italia. Esordisce come poeta negli anni Settanta, con "Invano un segno" (Rebellato, 1976); negli anni ottanta escono le raccolte "Lampi della Visione" (Crocetti, 1988) e "L'equilibrio terrestre" (Crocetti, 1991), fino ai più recenti "Maternale" (Nuova Editrice Magenta, 2007) e "Al fantastico abisso" (Nomos, 2011). Sempre agli anni Ottanta risale l'approdo alla traduzione, con la pubblicazione di un'antologia di Emily Dickinson (Fogola, 1986); oltre alla Dickinson Raffo ha tradotto e portato all’attenzione del pubblico italiano Emily Brontë, Charlotte Brontë, Anne Brontë, Christina Rossetti, Edna St. Vincent Millay, Dorothy Parker, Sara Teasdale e Wendy Cope. Per Mondadori ha riportato alle stampe, dopo anni di silenzio, le poesie di Ada Negri (Mondadori, 2002), e Sibilla Aleramo Mondadori, 2004). Non meno intensa la produzione di narrativa con i romanzi “Lo specchio attento”, del 1974, Edizioni Dello Zibaldone, 1987 ; “Il lago delle sfingi”, Marna, 1990 ; “La voce della pietra”, Il Saggiatore, 1996 ; “Virginio”, Il Saggiatore, 1997 e il recentissimo “Eros degli inganni”, Bietti, 2010

Nel 2008 insieme a Linda Terziroli, ha ideato e organizzato il Premio Guido Morselli che ogni anno organizza, oltre al premio letterario, giornate di studio dedicate all'autore di Dissipatio H.G. fra Italia e Svizzera.

Martedì, 20 Novembre 2012 19:21

LA SCENA GIUDIZIARIA - Giovanni Ruccia

Giovanni Ruccia ha svolto attività di giudice, fino alle cariche di Consigliere di Corte d’Appello e di Presidente di Tribunale e di Presidente di Sezione della Giustizia Tributaria regionale.

Suoi articoli di carattere giuridico e di vario genere sono pubblicati su riviste specializzate.

Ha esordito nel campo della poesia pubblicando nel 2005 la raccolta Sentieri di Poesie.

Nel 2004 ha tenuto insieme al pittore Luigi Marenco una mostra di poesie e dipinti dal titolo “Alla fonte del Ticino” all’Università del Melo di Gallarate. Inoltre, sempre con il pittore Marenco, ha realizzato una cartella di dieci poesie e cinque litografie dal titolo “Strami d’Arte”.

Del 2007 e 2009 le raccolte di poesie Anelli e Gocce che riflettono.

Martedì, 20 Novembre 2012 19:16

SENTIERI DI POESIA - Giovanni Ruccia

Giovanni Ruccia ha svolto attività di giudice, fino alle cariche di Consigliere di Corte d’Appello e di Presidente di Tribunale e di Presidente di Sezione della Giustizia Tributaria regionale.

Suoi articoli di carattere giuridico e di vario genere sono pubblicati su riviste specializzate.

Ha esordito nel campo della poesia pubblicando nel 2005 la raccolta Sentieri di Poesie.

Nel 2004 ha tenuto insieme al pittore Luigi Marenco una mostra di poesie e dipinti dal titolo “Alla fonte del Ticino” all’Università del Melo di Gallarate. Inoltre, sempre con il pittore Marenco, ha realizzato una cartella di dieci poesie e cinque litografie dal titolo “Strami d’Arte”.

Del 2007 e 2009 le raccolte di poesie Anelli e Gocce che riflettono.

Martedì, 20 Novembre 2012 19:11

GOCCE CHE RIFLETTONO - Giovanni Ruccia

Giovanni Ruccia ha svolto attività di giudice, fino alle cariche di Consigliere di Corte d’Appello e di Presidente di Tribunale e di Presidente di Sezione della Giustizia Tributaria regionale.

Suoi articoli di carattere giuridico e di vario genere sono pubblicati su riviste specializzate.

Ha esordito nel campo della poesia pubblicando nel 2005 la raccolta Sentieri di Poesie.

Nel 2004 ha tenuto insieme al pittore Luigi Marenco una mostra di poesie e dipinti dal titolo “Alla fonte del Ticino” all’Università del Melo di Gallarate. Inoltre, sempre con il pittore Marenco, ha realizzato una cartella di dieci poesie e cinque litografie dal titolo “Strami d’Arte”.

Del 2007 e 2009 le raccolte di poesie Anelli e Gocce che riflettono.

Martedì, 20 Novembre 2012 19:02

ANELLI - Giovanni Ruccia

Giovanni Ruccia ha svolto attività di giudice, fino alle cariche di Consigliere di Corte d’Appello e di Presidente di Tribunale e di Presidente di Sezione della Giustizia Tributaria regionale.

Suoi articoli di carattere giuridico e di vario genere sono pubblicati su riviste specializzate.

Ha esordito nel campo della poesia pubblicando nel 2005 la raccolta Sentieri di Poesie.

Nel 2004 ha tenuto insieme al pittore Luigi Marenco una mostra di poesie e dipinti dal titolo “Alla fonte del Ticino” all’Università del Melo di Gallarate. Inoltre, sempre con il pittore Marenco, ha realizzato una cartella di dieci poesie e cinque litografie dal titolo “Strami d’Arte”.

Del 2007 e 2009 le raccolte di poesie Anelli e Gocce che riflettono.

Mercoledì, 14 Novembre 2012 00:00

LA FORMULA DEL PROFESSORE - Yoko Ogawa

Quando ci si mette e leggere uno scrittore giapponese (beh, in questo caso scrittrice...), si entra in altre dimensioni di ritmo, di tempo, e di modo di vedere la vita, ma trovo che sia  sempre un’esperienza incantevole. Io odio la matematica, visceralmente e da sempre, ma questo libro mi ha del tutto affascinata, riconciliandomi anche un po’ con i numeri. E’ la storia di un’amicizia straordinaria, nata imprevedibilmente, tra un professore di matematica che, per colpa di un incidente stradale, ha perso buona parte della sua memoria, della sua governante e di suo figlio.  La passione per i numeri del professore è infinita, incontenibile e riesce a trasmetterla, a comunicarla, con inconsapevole naturalezza, nonostante questa disabilità (la sua memoria dura esattamente ottanta minuti) a queste due persone entrate nella sua vita per accudirlo.

E’  una lettura che non saprei definire altro che ‘dolce’.

MariaGrazia

Mercoledì, 14 Novembre 2012 00:00

SE TI ABBRACCIO NON AVER PAURA - Fulvio Ervas

Un bel libro di viaggio e storia struggente dell’amore di un padre per un figlio impegnativo imprigionato nell’incantesimo maligno dell’autismo. Niente piagnistei o compassione ma grande dolcezza e partecipazione venata d’amaro. Commovente nel profondo, un libro bellissimo.

Lidia

Mercoledì, 14 Novembre 2012 11:16

SOTTOTRACCIA - Massimo Cassani

Poliziesco "all'italiana" che cattura l'attenzione.
Si tratta di un commissario assai distratto  nella vita privata ma attento e arguto nell'ambito delle indagini che porta avanti.
Scrittura facile ma raffinata e scorrevole.

Anna

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy