Silvano

Silvano

Mercoledì, 01 Febbraio 2017 10:50

Io,Daniel Blake

io daniel blake poster ita

E' di nuovo giovedì, mi attende una pellicola imperdibile vincitrice della Palma d’oro a Cannes Io, Daniel Blake ultimo regalo del regista Ken Loach che con grande maestria ci porterà ancora, ne sono certa, nelle vite dei ceti meno abbienti sempre più affollati, rimuovo dalla mente le immagini del film precedente creando spazio per le nuove

entro all’ultimo minuto, mi siedo, si apre il sipario, si spengono le luci, lo schermo si colora di nero e lancia frecce sonore contro di noi, una conversazione tragicomica tra chi immaginiamo essere Daniel e un’assistente sociale o un medico, domande e risposte di un inutile questionario, Daniel inveisce e la donna prosegue imperterrita

sorridiamo con il dolore nel cuore

Daniel Blake, un falegname di New Castle, 59 anni, reduce da un infarto invalidante si vede negare un sussidio statale a causa di incredibili assurdità burocratiche e per evitare severe sanzioni deve cercarsi una nuova occupazione, ma lui non può più lavorare, è malato e questo sembra non essere chiaro ai funzionari.

Mercoledì, 25 Gennaio 2017 14:35

Cafè Society

 

                                               café society poster

 

  

E' giovedì e come ogni settimana decine di persone confluiscono al cinema, questa sera per ritrovare la poetica di Woody Allen, le tematiche sono tante, ben note, l’amore, la morte, la religione, l’ego, le nevrosi, la nostalgia, il nichilismo e molte altre a seguire

non ci stanchiamo mai di riviverle

entriamo, ci sediamo e la manciata di minuti d’attesa ci sembra un’eternità, non stiamo più nella pelle, alle nostre orecchie pare di sentire musiche e voci inesistenti in lontananza, ci avvisano che la pellicola sta per iniziare, vista e udito allertati, antenne tese, le luci si spengono e una magica storia americana ci attende

eccoci rimbalzati nella frizzante America degli anni Trenta, durante una festa hollywoodiana in una villa tutta vetri con piscina a specchio, abiti sfarzosi e conversazioni importanti ci rapiscono, respiriamo il profumo dei soldi e danziamo sulle poltrone al ritmo di una vivace musica jazz quando una telefonata ci svela l’incipit di una giovane vita in fermento

Giovedì, 19 Gennaio 2017 14:39

Frantz

 

Frantz locandina

Accorriamo al cinema in una fredda notte invernale riscaldati dal desiderio di vedere Frantz di François Ozon, conosciamo il regista e la sua maestria, sappiamo esattamente cosa ci attende, un film francese, una trama intrigante, giovani attori insuperabili, musiche e fotografia eccellenti, gli ingredienti ci sono tutti, siamo in debito di poesia e la pellicola ci ricompenserà

ne usciremo arricchiti

questo è certo

la locandina in bianco e nero ci rimanda ad altri tempi, nel dopo guerra della ricostruzione, fisica e morale, dolori e lutti, vite distrutte, affetti spezzati, siamo pronti, occhi e orecchie bene aperti, suvvia spegnete le luci

ecco il buio

Martedì, 27 Dicembre 2016 11:51

Agnus Dei (Les innocentes) - 16 Marzo 2017

Polonia, 1945. Mathilde (Lou de Laâge), un giovane medico francese della Croce Rossa, è in missione per assistere i sopravvissuti della Seconda Guerra Mondiale. La ragazza viene portata in un convento, dove alcune sorelle incinte, vittime della barbarie dei soldati sovietici, vengono tenute nascoste. Nell’incapacità di conciliare fede e gravidanza le suore si rivolgono così a Mathilde, che diventa la loro unica speranza. La regista francese Anne Fontaine si prende carico di una vicenda storica difficile e complessa, un accadimento lontano dalla storiografia ufficiale. Forte di un incipit convincente così come di un luminoso epilogo, il film della Fontaine si articola attraverso una messa in scena severa, quasi glaciale (vedi la direzione della fotografia) ma al contempo intensa e raccolta.

Martedì, 27 Dicembre 2016 11:38

Florence - 9 Marzo 2017

New York, anni '40 del Novecento. Florence Foster Jenkins (Meryl Streep) è una ricca ereditiera, con un sogno nel cassetto: diventare una grande cantante. Nonostante sia convinta di avere un notevole talento, la sua voce è stridula e stonata. Il marito e manager St. Clair Bayfield (Hugh Grant), un attore inglese, cerca faticosamente di nascondere la dura verità alla sua amata, ma quando Florence decide di esibirsi in concerto alla Carnegie Hall, il castello di carte creato intorno a lei rischia improvvisamente di crollare. Tratto dalla vera storia di Florence Foster Jenkins, vicenda che aveva ispirato anche Marguerite (2015), film francese di Xavier Giannoli. Stephen Frears gira con la consueta cura formale, studia bene i dettagli e sa come dirigere gli attori di contorno.

Martedì, 27 Dicembre 2016 11:26

Captain Fantastic - 2 Marzo 2017

Ben (Viggo Mortensen) è un padre che cresce i propri sei figli in una foresta, lontano dal resto del mondo. L’uomo cerca di indurre la propria prole a stabilire un contatto con la natura, viscerale e selvaggio, che sia però guidato dai lumi di una cultura alta, ma presto dinamiche sorprendenti sovvertiranno gli equilibri prestabiliti. Originale e potente film familiare, tutto incentrato sul conflitto tra natura e cultura, tra conformismo e autenticità, tra modelli di vita possibili e obblighi sociali ai quali è impossibile sottrarsi, tra idealizzazione e principio di realtà. L’attore Matt Ross guarda addirittura, idealmente, a Jean-Jacques Rousseau e torna dietro la macchina da presa per il suo secondo film da regista dopo 28 Hotel Rooms (2012), con un’opera peculiare e coinvolgente.

Martedì, 27 Dicembre 2016 11:16

Indivisibili - 23 Febbraio 2017

Non-luoghi intorno a Castelvolturno. Viola e Dasy (Marianna e Angela Fontana, bravissime) sono due gemelle siamesi che cantano canzoni neo-melodiche ai matrimoni e alle feste e, grazie alle loro esibizioni, danno da vivere a tutta la famiglia. Le cose vanno bene, ma tutto cambierà quando scopriranno di potersi dividere. A due anni di distanza dal precedente Perez (2014), Edoardo De Angelis abbandona le tinte noir per dedicarsi all'indagine di un dramma familiare, intenso e stimolante. L'unione forzata delle due ragazze serve al regista per ragionare in maniera metaforica sul valore del sacrificio e della sofferenza. La forza drammaturgica della costruzione dei caratteri di Viola e Dasy è l'elemento più forte e magico del film. Ipnotico il piano-sequenza iniziale.

Martedì, 27 Dicembre 2016 11:01

American Pastoral -16 Febbraio 2017

Anni Sessanta: Seymour Levov (Ewan McGregor), detto “Lo svedese”, è un ragazzo ebreo del New Jersey, fabbricante di guanti, con una vita in apparenza felice e inappuntabile. La situazione però precipita quando la figlia (Dakota Fanning) viene invischiata in un atto terroristico gravissimo…
Ewan McGregor esordisce, con coraggio e incoscienza, dietro la macchina da presa con l’adattamento cinematografico del monumentale e celebre romanzo di Philip Roth, Premio Pulitzer nel 1998. Il tentativo di 'mettere in scena' la complessità del testo rothiano non riesce ma la cura della confezione (scenografia, direzione della fotografia, costumi,...) e le diligenti interpretazioni degli attori, su tutti Jennifer Connelly, sono ammirevoli

Martedì, 27 Dicembre 2016 10:47

Genius - 9 Febbraio 2017

Le vicende professionali e personali dell'acclamato editor Maxwell Perkins (Colin Firth), che, nella New York degli anni '20, strinse un sincero rapporto di amicizia con lo scrittore Thomas Wolfe (Jude Law), portandolo al successo nello stesso periodo in cui contribuì a lanciare Ernest Hemingway (Dominic West) e Francis Scott Fitzgerald (Guy Pearce). Basato sulla biografia Max Perkins: Editor of Genius (1978) di A. Scott Berg e scritto dall'acclamato sceneggiatore John Logan, il film d'esordio dell'inglese Michael Grandage, è un dramma su una storia di amicizia e di distacco. Molto belle le montage-sequence che 'pedinano' il processo dell'editing letterario. Aline Bernstein, la compagna, dal 1925 al 1929, del 'geniale' Thomas Wolfe, è interpretata da Nicole Kidman.

Martedì, 27 Dicembre 2016 10:18

In Guerra per Amore - 2 Febbraio 2017

New York, 1943. Mentre il mondo è nel pieno della Seconda guerra mondiale, Arturo (Pif) vive la sua travagliata storia d'amore con Flora (Miriam Leone), promessa sposa al figlio di un importante boss. Per convolare a nozze, Arturo deve ottenere la benedizione del padre della sua amata, che vive in un paesino siciliano. C'è solo un modo per raggiungere l'isola: arruolarsi nell'esercito americano. Dopo il buon successo ottenuto con La mafia uccide solo d'estate (2013), Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, torna dietro la macchina da presa per firmare un progetto ancor più ambizioso, a cominciare dalla cornice narrativa e dallo sforzo produttivo che da essa deriva. Una commedia istruttiva per ricordare il lento ma inesorabile affermarsi della mafia nel nostro paese.

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy