Silvano

Silvano

Lunedì, 08 Maggio 2017 09:34

The Founder

The Founder

è di nuovo giovedì e questa sera mi attende in sala il film The Founder di John Lee Hancock insieme a un folto pubblico curioso di conoscere la vera storia dell’impero miliardario McDonald’s

entro, prendo posto tra i soliti amici, le spalle rilassate, occhi e orecchie impazienti, la mente in volo sulla locandina rossa e gialla con Michael Keaton al centro, il portamento vincente, un viso orgoglioso, mi è tutto chiaro, è lui il portavoce del successo, si spengono le luci, la pellicola ha inizio, siamo negli Stati Uniti degli anni ’50

Michael Keaton interpreta magnificamente il ruolo di Ray Kroc, un venditore di frullatori dallo scarso successo, ma perseverante, gira per locali, chioschi e drive-in nel tentativo di vendere le sue ingombranti apparecchiature, finché incontra i fratelli Mac e Dick McDonald, proprietari di un punto vendita di hamburger di grande qualità a San Bernardino, in California

folgorato dalla folla che accorre ad acquistare cibo eccellente preparato alla velocità della luce, capisce di essere di fronte alla svolta della sua vita, così sfodera tutte le armi in suo possesso per creare un franchising e sottrarre la società ai legittimi proprietari

Martedì, 14 Marzo 2017 10:56

Captain Fantastic

                                    8 CAPTAIN FANTASTIC

E' di nuovo giovedì, entro al cinema, la locandina mi incuriosisce più del solito, un gruppo di persone, un’insolita famiglia all’apparenza, un adulto o due e una nidiata di figli, non mi è chiaro, tutti abbigliati in modo eccentrico, un autobus alla loro destra, che stiano per partire per un lungo viaggio o che siano appena arrivati, non si sa, entro e mi siedo al mio posto, la luce si spegne e si accende uno scenario selvaggio nel bel mezzo di una foresta, li vediamo tutti impegnati in un addestramento militare o forse alle prese con un corso di sopravvivenza, i visi spalmati di fango, protagonisti di un rito di iniziazione, siamo colpiti da immagini e musiche abbaglianti, il verde ci entra nella pelle, le esercitazioni ci sollevano dalle poltrone

che inizio

dopo poco ci è tutto più chiaro, il film Captain Fantastic, di Matt Ross racconta di una mamma e un papà, Ben, il grande attore Viggo Mortensen, che anni orsono hanno abbandonato la civiltà per crescere i loro sei figli,  tra i cinque e diciassette anni, nelle foreste degli Stati Uniti nordorientali, isolati dal mondo, lontani da perbenismo e consumismo, a diretto contatto con la natura.

Giovedì, 09 Marzo 2017 10:31

Indivisibili

 

7 INDIVISIBILI

Arrivo al cinema per tempo, mi guardo intorno, due chiacchiere con gli amici, un’occhiata alla locandina, la spiaggia, il mare e due ragazze in corsa verso la libertà, così pare

entro in sala dove mi aspetta un film italiano, Invisibili di Edoardo De Angelis, prevedo una regia impegnata ambientata nel degrado del sud italiano, si spengono le luci ed eccoci avvolti da suoni irriconoscibili, i sottotitoli ci fanno pensare a un film in lingua originale, finalmente, come in tutte le proiezioni internazionali

la lingua ci è ignota, prestiamo attenzione, aguzziamo le orecchie, il collo piegato e con sorpresa la rivelazione, siamo nel meridione italiano e gli attori recitano in dialetto campano, sorridiamo stupiti pensando a un’Europa unita e a un’Italia frammentata

Indivisibili sono due gemelle siamesi, Viola e Dasy, diciotto anni a testa, che mantengono tutta la famiglia cantando a feste e matrimoni le canzoni scritte dal loro padre-aguzzino-impresario, Viola e Dasy, due splendide attrici esordienti, due perle rare che svettano nella desolazione di Castel Volturno, una porzione di terra della Campania patria del malaffare e della delinquenza, due fiori in un campo devastato, voci d’angelo in un coro stonato, l’una la stampella dell’altra, finché, la svolta, un’operazione può separarle ed ecco intravedersi la libertà  dietro l’angolo, i sogni vagano nell’etere, potranno vivere ognuna la propria vita senza sentirsi tutti quegli occhi addosso come se fossero fenomeni da baraccone.

Martedì, 07 Marzo 2017 10:04

Amore e Inganni - 8 Giugno 2017

Lady Susan Vernon (Kathy Beckinsale) è un’affascinante giovane vedova in cerca di un marito ricco per sé e per la timida figlia Frederica. Considerata all’interno dei ricchi salotti civetta e per certi versi addirittura scandalosa, Lady Susan decide di andare a Churchill, dimora del fratello del defunto marito. Lì, lontana dalle voci maligne e dalla cattiva reputazione, Lady Susan cerca una via che conduca lei e la figlia sull’altare e al contempo non manca mai di informarsi sugli ultimi pettegolezzi del momento. Amore e inganni è tratto da un racconto epistolare, scritto da una giovane Jane Austen, poco più che ventenne. I temi che Ben Stillman pedina sono quelli cari a Jane Austen: l’alta società nelle ristrette cerchie di provincia, l’amore, la vita quotidiana delle donne che devono applicarsi per garantirsi un futuro agiato. 

Martedì, 07 Marzo 2017 09:26

Manchester by the sea - 1 Giugno 2017

Dmaggiore Joe, Lee Chandler (Casey Affleck), un idraulico di Boston, si ritrova costretto a fare ritorno nella propria città natale, Manchester-by-the-Sea: scoprirà di essere diventato il tutore legale del nipote sedicenne, Patrick (Lucas Hedges).
Il regista newyorkese Kenneth Lonergan dirige Casey Affleck in un dramma intenso capace di equilibrare disadattamento privato e tragedia familiare, solitudine e legami tra consanguinei. Il risultato è un'opera immersa negli umori marginali, gelidi ma comunque toccanti, della provincia americana, raffigurata in tutta la sua dolente mestizia: un nord-est statunitense minimale e ordinario, capace tuttavia di splendere di luce propria tanto nei dettagli ambientali (le case colorate, gli scorci da costiera scandinava) quanto nella messa a punto delle sfumature dei personaggi. opo l’improvvisa morte de
l fratello.

Martedì, 07 Marzo 2017 09:13

Sully - 25 Maggio 2017

Il 15 gennaio 2009 il volo di linea US Airways 1549, partito dall’aeroporto La Guardia di New York e diretto a Charlotte, è costretto a un rischiosissimo ammaraggio nel fiume Hudson a causa di un bird strike che ha messo fuori uso entrambi i motori. Grazie alla scelta del comandante Chesley "Sully" Sullenberger (un eccezionale Tom Hanks), tutti le persone a bordo si salvano, ma l’assicurazione e la commissione di inchiesta della compagnia aerea sembrano decise a non riconoscere l’eroica impresa del capitano.
Basandosi sull'autobiografia
Highest Duty: My Search for What Really Matters dello stesso Chesley Sullenberger, Clint Eastwood abbraccia di nuovo le radici profonde dell’America antieroica per portare sullo schermo una vicenda di toccante umanità e di grande statura morale. Eccellente la metallica fotografia diTom Stern, giocata sui toni del bianco e del grigio.

La matematica afroamericana Katherine Johnson (Taraji P. Henson), insieme alle sue colleghe Dorothy Vaughan (Octavia Spencer) e Mary Jackson (Janelle Monáe), prestò un contributo fondamentale presso la NASA: fu anche grazie ai loro incredibili calcoli che John Glenn (Glen Powell) riuscì a diventare il primo astronauta americano a compiere un’orbita completa intorno alla Terra.
Basato sul libro
Hidden Figures: The Story of the African-American Women Who Helped Win The Space Race di Margot Lee Shetterly, il film di Theodore Melfi racconta la storia vera di un gruppo di donne che, in un’America immersa fino al collo nella discriminazione razziale, seppero ritagliarsi uno spazio per fare emergere le proprie abilità di scienziate, contraddicendo i dettami dell’epoca che le avrebbero bollate come esseri umani di categoria inferiore.

Lunedì, 06 Marzo 2017 16:08

L'ora Legale - 11 Maggio 2017

A Pietrammare, un paesino della Sicilia, vivono Salvo (Salvatore Ficarra) e Valentino (Valentino Picone), due cognati che gestiscono un chiosco sulla piazza principale. Il momento delle elezioni per il nuovo sindaco si avvicina: al primo cittadino in carica, corrotto e maneggione, si oppone l’integerrimo Pierpaolo Natoli (Vincenzo Amato), marito della sorella di Valentino, deciso a proporre un cambiamento radicale in favore dell’etica e del senso civico. I cittadini di Pietrammare, a sorpresa, lo eleggono nuovo sindaco, ma rispettare le regole e la legalità sarà più facile a dirsi che a farsi.
Quinto film diretto dal duo comico Ficarra e Picone,
L’ora legale è una commedia (civile) godibile, capace di rappresentare senza troppi giri di parole un’Italia ingovernabile, in cui chi chiede il rispetto delle regole da parte degli altri continua a fare i propri comodi.

Lunedì, 06 Marzo 2017 15:56

Jackie - 4 Maggio 2017

Dallas,Washington novembre 1963: nei quattro giorni successivi l’assassinio del presidente John Fitzgerald Kennedy, la First Lady Jacqueline Kennedy (Natalie Portman) deve fare i conti prima con i concitati attimi susseguenti la tragedia e poi riconquistare fiducia, consolare i figli e definire l’eredità storica del marito.
Dopo
Neruda, Pablo Larraín torna a confrontarsi con il biopic e lo fa sempre in maniera originale e personale, disattendendo qualsiasi possibile cliché, per imbastire un discorso più complesso e stratificato. Partendo da uno dei temi più cari del suo cinema, il contrasto tra pubblico e privato (e tra la realtà e la sua rappresentazione), il cineasta cileno costruisce intorno alla sua protagonista (una splendida Natalie Portman) un affresco profondamente umano su una icona che è prima di tutto donna, con le sue fragilità e le sue paure.

Lunedì, 06 Marzo 2017 15:30

La La Land - 27 Aprile 2017

Los Angeles. Mia (Emma Stone) lavora non senza frustrazione nel bar degli studios Warner Bros., coltivando il sogno di diventare una grande attrice. Sebastian (Ryan Gosling) fatica a dimenticare il proprio fallimento come pianista jazz, nonostante la passione per la musica resti la sua unica ragione di vita. Il destino li fa incontrare e i due, cullati dall'amore, progettano un romantico futuro insieme.
Dopo il successo ottenuto con
Whiplash (2014) lo statunitense Damien Chazelle, classe 1985, alza il tiro e fa centro su tutti i fronti. Opera mai solo nostalgica e sempre sostenuta da una grande tensione verso l’improvvisazione alla base del jazz, La La Land è un omaggio solenne e al tempo stesso minimalista alla stagione d'oro del musical (da Gene Kelly a Vincente Minnelli), trovando nella poesia di Jacques Demy un modello di riferimento primario. X premi Oscar (?)


Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy