E' on-line il nuovo programma della rassegna che inizia ad ottobre

Image not available

Stiamo completando l'attivazione di tutte le funzionalità del sito, vi chiediamo di avere ancora un po' di pazienza se qualcosa non è perfettamente funzionante. Il Teatro riapre a metà settembre.

Benvenuti sul nuovo sito del Teatro Fratello Sole

Busto Arsizio, 8 gennaio 2013 - Giovedì 10 gennaio arriva al Fratello Sole la rassegna cinematografica Parabole. A motivare la scelta del titolo sono le parole del curatore Paolo Castelli: "La parabola (dal greco parabolé) è un racconto breve il cui scopo è spiegare un concetto difficile con uno più semplice o dare un insegnamento morale". I film in rassegna sono dunque parabole, ma anche traiettorie del destino.

Forte il connubio tra narrazione cinematografica e letteraria. Si parte con Il rosso e il blu di Giuseppe Piccioni (10/1), dall'omonimo libro di Marco Lodoli: la scuola italiana è investigata dal punto di vista dei professori – misantropi, smarriti, idealisti – senza dimenticare i mondi interiori dei ragazzi, anch'essi smarriti e solitari. È ancora la scuola (elementare) a fare da sfondo al caso di Monsieur Lazhar di Philippe Falardeau (17/1) – tratto da Bashir Lazhar della scrittrice canadese Évelyne de la Chenelière – che esplora i sottili interrogativi sull'educazione e sulla vita. Ispirato a La generazione di Simone Lenzi, Tutti i santi giorni di Paolo Virzì (24/1) narra la vicenda di un giovane portiere di notte che, non riuscendo ad avere figli con la compagna, interroga gli scrittori del passato. Infine Io e te di Bernardo Bertolucci (7/3), dall'omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti, racconta l'incontro – nel nascondiglio di una cantina – tra l'adolescente Lorenzo, in fuga da una vita che non gli appartiene, e la sorellastra venticinquenne e tossicodipendente.

Dopo 50 anni di servizio al cinema, proseguono le missioni di James Bond. In Skyfall di Sam Mendes (31/1) l'agente 007 affronta lo scenario instabile del cyber-terrorismo, tra Istanbul, Macao e Londra, fino alle Highlands scozzesi. Di nuovo azione con Argo di Ben Affleck (28/2), ispirato a un fatto di cronaca nella Teheran del 1979: per salvare sei diplomatici USA, sfuggiti ad un attacco all'ambasciata americana, la CIA finge la preparazione di un film di fantascienza.

Ambientato a Tel Aviv, La sposa promessa (7/2) è la storia di un matrimonio che non si deve fare e di un altro che invece bisogna celebrare tra una ragazza e il cognato vedovo. Gli elementi stilistici di Rama Burshtein amplificano i tumulti del cuore della protagonista Shira, magistralmente interpretata da Hadas Yaron (vincitrice della Coppa Volpi al Festival di Venezia 2012).

Figli raccomandati, ospedali che cadono a pezzi, vecchi e nuovi cialtroni, cortigiane e politici corrotti sono i bersagli della denuncia di Viva l'Italia (14/2), secondo film di Massimiliano Bruno. Un altro spaccato sull'incerto panorama sociale italiano arriva da Reality di Matteo Garrone (21/2) – film vincitore del Grand Prix al Festival di Cannes 2012 – dove i confini tra vita reale e reality-show sembrano scomparire. La prima parte della rassegna 2013 si conclude con Il comandante e la cicogna (14/3), commedia dal tono fiabesco di Silvio Soldini: sotto lo sguardo dei monumenti di Torino, protagoniste sono le vite della gente comune; intorno ancora una volta c'è l'Italia del malaffare e dello sfruttamento.

Le proiezioni si terranno dal 10 gennaio al 14 marzo tutti i giovedì alle 16 e alle 21 e saranno riproposte, salvo sovrapposizione con altri eventi, la domenica negli stessi orari e il sabato sera alle 21.30.

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy